Vampirismo energetico: quando il nemico é dentro casa

FullSizeRender 2Chi é un vampiro energetico? Una persona che ti avvelena la vita, qualcuno che ti trascina in un triangolo drammatico, cioè in una modalità di relazione tossica che fa star male e ammalare. Il vampiro é un manipolatore esperto e un predatore pericoloso.

E’ importante:

  1. riconoscerli;
  2. non esserne vittima (le conseguenze possono essere anche gravi)

Se si ha a che fare con un vampiro energetico, occorre trovare il coraggio di non tollerare comportamenti manipolatori o abusanti. Occorre trovare il coraggio di allontanarsi.

FullSizeRenderA tutti succede di incontrare e avere a che fare con manipolatori nella vita. Ma cosa succede se il vampiro energetico é un familiare? Qualcuno con cui si deve, almeno per una parte della vita, vivere?

Per la psicologia classica la distruttività e la perversione di un vampiro risultano di regola la conseguenza comportamentale di un attaccamento “andato male” con le prime figure di accudimento. Il vampiro energetico può essere anche un narcisista, sociopatico o passivo aggressivo. E’ sempre un manipolatore. Secondo il Dott. George K. Simon (vedi anche il fenomeno del “gaslighting”), al contrario,FullSizeRender 4 il manipolatore é cosciente del suo comportamento, ma semplicemente non gli importa di ferire altri, in quanto privo di empatia e motivato dal desiderio di prevaricazione.

Se, come consideriamo in questo caso, il vampiro é un familiare ha gioco facile. Diamo per assunto che i familiari siano biologicamente programmati a volerci bene, a sviluppare con noi relazioni di affetto, di aiuto e stima reciproca. E così accade nelle famiglie che funzionano.

Se la famiglia é disfunzionale, ovvero una famiglia nella quale conflitti, comportamenti ingiusti ed abusi si verificano con regolarità tanto da indurre i suoi componenti a ritenerle azioni normali, che cosa accade?
Accade che non siamo preparati a proteggerci e difenderci. Accade di essere preda dei vampiri per anni, di perdere energia e tempo prezioso. Accade di star male e non sapere perché.

Come ti manipola il vampiro energico? Ci sono vari modi con cui il vampiro familiare può minare la tua integrità e in ultima analisi la tua intera vita. Qui farò solo alcuni esempi, quelli che conosco:

  1. il vampiro ti invita costantemente a farti DUBITARE DI TE: ti dice che tu sei pazzo… tu sei egoista… tu sei “il cattivo”… ti fa sentire inadeguato.
  2. il vampiro TI METTE PAURA: ti dice costantemente che tu non ce la puoi fare, che tutto andrà storto, che sei un buono a nulla.
  3. il vampiro ti da’ il TRATTAMENTO DEL SILENZIO. Una volta una persona con cui abitavo non mi ha parlato, se non a monosillabi, per circa tre anni. Non ho mai capito il motivo. Un giorno, ho preso coraggio e ho chiesto “che cosa ti ho fatto?”. La risposta fu: “mi interrompi mentre leggo”. Il vampiro vuole creare una situazione costante di tensione e pressione e successivamente incolpare te del clima di disagio creato.
  4. il vampiro TI FA TERRA BRUCIATA INTORNO: i tuoi amici diventano i suoi amici. Forse cercherà di sedurre il tuo partner. Il vampiro fa pettegolezzi per -attrarre malevolenza su di te (e mettersi in luce)-susFullSizeRender 6citare in te gelosia (esempio: se tu gli dici qualcosa non ti crede, ma se la stessa cosa gli viene detta da altri, la prende subito in considerazione) -suscitare in te preoccupazione e sensi di colpa (esempio: “la mamma per colpa tua sta molto male”). Ti svaluta costantemente e vuole suscitare in te sentimenti negativi.
  5. il vampiro TI ACCUSA di azioni che non hai mai commesso. Per anni opera una campagna diffamatoria nei tuoi confronti e altri gli credono (pensaci bene, la bugia é sempre un fatto collettivo). Tutto ciò é disperante e contribuisce ad alimentare pensieri di vendetta e di frustrazione. La reazione più comune é rispondere alla violenza con un’altra violenza, alla minaccia con una minaccia. Purtroppo questo, di solito, non funziona e non risolve nulla. Perché non funziona? Perché tu diventi “il pazzo” e “il cattivo” e il vampiro l’avrà vinta di nuovo.

Il vampiro, infatti, nega sistematicamente l’evidenza. Come i più grandi truffatori della storia, si é creato un sistema di giustificazioni, di scuse e di autovalutazione per cui lui ne esce sempre pulito. Si percepisce come una “brava persona” e costruisce e coltiva questa immagine anche all’esterno. Il vampiro, dunque, può essere anche un lavoratore o un insegnate molto stimato o una persona molto religiosa e pia. Il vampiro ti manipola al punto in cui tu non sai più chi sei, arrivi a dubitare della tue capacità, abilità e competenze.

E allora cosa puoi fare per difenderti?

  1. La CONSAPEVOLEZZA é la tua arma principale. Occorre comprendere e accettare che chi ti dovrebbe amare e supportare più di tutti gli altri, in realtà ti sta succhiando via le energie vitali. Sarebbe utile avere piena coscienza delle dinamiche familiari, facendosi aiutare da un esperto, come uno psicologo dei sistemi relazionali o uno psicoterapeuta. (studio dell’albero genealogico, costellazioni familiari, ecc…)
  2. Occorre CREARE DEI CONFINI, dei paletti e definire con chiarezza cosa sei disposto a tollerare e cosa non sei disposto a tollerare. Il vampiro sentirà subito che avete messo dei confini e vi darà degli “egoisti”…é un buon segno, segno che non vi può più manipolare! State costruendo un fortino.
  3. E’ utile pensare che la situazione in cui ti trovi é una sfida, una OPPORTUNITÀ’ di crescita sensazionale. Se riesci ad uscire dal risucchio vampirico di uno o più familiari, sarai una persona più forte e sensibile.
  4. NON PUOI AVERE IL CONTROLLO SUL COMPORTAMENTO E I PENSIERI DEGLI ALTRI.  E’ inutile perciò difendersi da una “campagna diffamatoria” urlando la propria verità. Quando il vampiro ha lavorato per anni a costruirsi la facciata da “buono” e ha persone che gli credono, questa é una battaglia persa in partenza. Ingaggiare questa lotta può portare a sentirsi ancora più impotenti, FullSizeRender 7disperati e soli. Conviene andare via, allontanarsi, coltivare interessi personali come lo sport o interessi artistici e confidarsi solo con persone che realmente ci vogliono bene e sanno come siamo. E’ giusto raccontare la propria verità -questo non é diffamare!- ma solo a chi ha la lucidità e la sensibilità per ascoltarla.
  5. Durante le conversazioni o discussioni il vampiro vuole portare la tua attenzione su particolari aspetti di una situazione da cui lui trarrà vantaggio. Occorre RESPIRARE profondamente, prendersi delle pause e NON REAGIRE EMOTIVAMENTE, mantenendo la lucidità e il focus sui vostri argomenti di difesa. Il vampiro ama le “tragedie”, il dramma, é un manipolatore perverso e morboso e userà le vostre risposte emotive contro di voi. Occorre PROTEGGERSI SEMPRE con frasi quali “E’ interessante sapere che la pensi così” oppure “mi chiedo il perché stai dicendo questo”, “vedo che non siamo della stessa opinione”.
  6. NON DARE INFORMAZIONI PERSONALI a un vampiro. Non fare mai pettegolezzi con nessuno. E’ utile e umano raccontare la propria verità e sfogarsi con un amico…ma deve essere un TUO amico! Taglia i rapporti o minimizza i contatti con i simpatizzanti del vampiro. Anche se sono amici di infanzia. Gli andranno a riferire tutto e lui/lei userà queste informazioni contro di te.
  7. Resta sempre focalizzato su come ti senti. Resta in contatto con la tua pancia e le tue emozioni profonde. Sii MINDFULL. Se il FullSizeRender 8vampiro é gentile, seducente, ti fa regali, ma in te permane una sensazione di disagio, vuoto o tensione… ascolta le tue emozioni. Il pensiero razionale può sbagliare, il cuore può trascinarti in fantasie romantiche (es. “tutto si sta aggiustando”) ma il corpo non mente mai.
  8. Creati un MANTRA da ripeterti nelle situazioni difficili. Il mondo NON é un covo di vipere e se ti senti in mezzo a un covo di vipere ne puoi uscire. Troverai un’altra famiglia e altri amici, persone che ti capiscono e che stanno dalla tua parte. Allontanati con coraggio e serenità dalle persone che cannibalizzano il tuo animo: non valgono i tuoi sforzi e le tue energie.
  9. Coltiva l’AMORE PER TE. Se cercherai di aggiustare la tua famiglia disfunzionale di origine sarai esausto e arriverai alle porte della follia. Prendi controllo su ciò che puoi FullSizeRender 9controllare: i tuoi pensieri, il funzionamento ottimale del tuo corpo e il tuo tempo. Se sei una mamma dedica le tue energie ai tuoi figli, sono la cosa più bella del mondo! Lavorare su te stesso é la cosa migliore che puoi fare per te e per gli altri. Non preoccuparti del senso di perdita, sparirà e troverai te stesso. E’ quando la vita comincia davvero.
  10. NON PARTECIPARE ALLA VITA DI UN VAMPIRO, diventa un esempio vivente di gioia e soddisfazione! Vivi libera.

Per saperne di più:

How Did We End Up Here?: Surviving and Thriving in a Character-Disordered World, The Judas Syndrome: Why Good People Do Awful Things, In Sheep’s Clothing: Understanding and Dealing With Manipulative People; Character Disturbance: the phenomenon of our age, In Sheep’s Clothing: Understanding and Dealing With Manipulative People di George K. Simon.

Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

2 Responses to “Vampirismo energetico: quando il nemico é dentro casa”

  1. Anna 29/06/2017 at 07:00 Permalink

    Ciao Emanuela avevo visto il video su youtube dedicato a questo argomento (forse erano piu di uno) e mi era piaciuto molto. Sono capitata nel tuo blog e l’articolo è veramente scritto bene, complimenti e grazie , queste tue parole me le stamperó in mente per ricordarle nel momento del bisogno. Oltre ad aver capito solo ora (ho56 anni) quanto mi abbiano condizionato la vita i miei genitori, da qualche anno ho a che fare con una collega che mi diffama continuamente , le tue parole sono un concentrato di buoni consigli, da tenere sempre a mente. Grazie, un abbraccio grande.
    Anna

    • Emanuela Davini
      Emanuela Davini 14/10/2017 at 09:16 Permalink

      Grazie a te Anna, anche io mi rileggo questo post a volte per ricordarmi le strategie fondamentali per avere a che fare coi vampiri energetici! Mi fa molto piacere di esserti stata utile

Lascia una risposta


(Required)

Questo sito web utilizza i cookie per migliorare l'esperienza dell'utente. Utilizzando il nostro sito acconsenti tale utilizzo in conformità con la Cookie Policy Approfondisci

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close